venerdì 12 giugno 2015

Xera, la ragazza con la spada (pag. 157)

Reazioni: 
L’uscio si aprì poco dopo per poi accogliere un uomo dal volto familiare. Murdar gli andò in contro abbracciandolo e dal tono della sua voce, i tre ragazzi compresero quanto il saggio fosse rincuorato dalla presenza del vecchio amico. Era un uomo di mezza età dalla pelle scura, la cui barba rasa era stata modellata per ricordare delle fiamme guizzanti. <<Gholja sei arrivato finalmente!>> esclamò Murdar invitandolo ad accomodarsi, <<Devo dire che il tuo invito si è rivelato una gradita sorpresa, Oedh!>> ribatté l’uomo. Xera lo riconobbe non appena varcato l’uscio. Era il mastro di chiavi del Concilio conosciuto durante il processo che li aveva coinvolti. Di lui aveva un ricordo positivo tuttavia a differenza del precedente incontro, l’uomo si era presentato in abiti informali, perciò la guerriera ne dedusse che la sua visita non fosse ufficiale. <<La cortesia di cui mi onori mi rende felice, amico mio. Mi è capitato sovente di chiedermi da quanti anni ormai ne beneficio, ma la mia memoria è dispettosa e si prende gioco di me>>. Gholja rise divertito e dopo una sonora pacca sulle spalle del saggio, gli sussurrò qualcosa all’orecchio. <<Ora basta con le formalità Oedh, perché mi hai invitato nella tua casa così all’improvviso? Non mi dire che ha a che fare con questi tre ragazzi!>> con la mano indicò le leve che sino a quel momento avevano preservato un assoluto silenzio. 

<<Sì e no!>> rispose vago l’uomo. <<Andiamo amico, sai quanto io sia curioso. Indugiare a questo punto sarebbe scorretto!>> lo incalzò Gholja che, seppur a malincuore, dovette sottostare ai tempi del saggio. 
<<Le mie leve sono finalmente pronte per la prova finale, per cui ti ho invitato affinché assistessi di persona>> le parole di Murdar scossero tutti i suoi invitati. <<Ti ringrazio Oedh! Permettermi di assistere alla fase ultima della tua competizione non può che essere un gradito onore per me … sebbene non ne capisca il motivo. Altre leve hanno affrontato questa prova e mai nessuno, a parte te s’intende, vi ha preso visione>> l’uomo si grattò la nuca, rivelando così la perplessità che lo attanagliava; Murdar però non rispose e preferì versare dell’altro tè a tutti i commensali. Infine dopo aver raggiunto la finestra che si affacciava sul mare, disse: <<Voci ti saranno giunte in merito ad una breccia nella barriera!>> Murdar non cercò giri di parole per esprimere quel che pensava, al contrario fu diretto e conciso, mostrando quanto forte e confidenziale fosse il rapporto con l’amico <<Sono preoccupato Gholja, lo confesso!>>
Il membro del concilio aggrottò le sopracciglia e poi affermò <<Lo sai meglio di me quanto veloci possono correre certe “voci”. Non devo certo dirtelo io! Ammetto che leggendo la tua lettera così improvvisa e vaga, ne ho avuto il sentore, ma forse sarebbe meglio discuterne a quattr’occhi>> propose Gholja facendo un cenno con lo sguardo in direzione delle tre leve. <<Non occorre amico mio. Questi ragazzi hanno avuto la sventura di capitare sempre nel posto giusto ma al momento sbagliato. Se penso alle avversità che hanno fronteggiato a causa di questa mia egoistica pretesa, non posso che dolermene>>. 

<<Signore, non più di quelle affrontate dai nostri compagni>> tenne a precisare Reilhan << ma senza le quali non saremmo le persone che avete qui dinanzi a voi>> aggiunse tentando di rincuorare l’uomo. 
<<La sua devozione è ammirevole!>> esclamò Gholja stupendosi per primo di quanto fosse stato diretto. <<Purtroppo mio caro ragazzo, non tutto è dipeso della mia volontà. Temo che in più occasioni io sia stato, mio malgrado, più uno spettatore che un direttore d’orchestra, perciò ritengo opportuno che voi affrontiate al più presto la prova finale, affinché chiunque stia tramando alle vostre spalle possa dimenticare voi e i suoi piani a me ancora sconosciuti>>. Nessuno osò ribattere alle affermazioni del saggio, al contrario un silenzio innaturale incupì le stanze dell’uomo. Gholja si sollevò rivelando la sua sorprendente altezza, raggiunse Murdar e di nuovo pose la sua grande mano sulla spalla minuta del saggio <<Ci sono troppe preoccupazioni che gravano su queste vecchie ossa, lascia che sia io ad occuparmene Oedh. Ho accettato il tuo invito senza porre alcuna domanda, ora però che si è trasformato in una richiesta d’aiuto, è mio dovere restare al tuo fianco>>. Murdar accennò un sorriso, il suo viso era provato e le rughe sembrarono accentuarsi scavandone il volto. I tre compagni, dopo le recenti rivelazioni del saggio, accolsero di buon grado la presenza di Gholja e a cuor sereno si prepararono per la fase finale della competizione.

Nessun commento:

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi