venerdì 28 novembre 2014

Xera, la ragazza con la spada (pag. 112)

Reazioni: 
La voce di Faiha catturò la mente di Elesya che dopo aver bevuto il siero, cadde in un sonno profondo tuttavia privo di sogni. <<Ascolta le mie parole Elesya e fa solo quello che ti dico>> si raccomandò la Conue, in una strana cantilena a tratti ipnotica. <<Cerca di visualizzare soltanto l’artefatto, nella tua testa non dovrà esserci nient’altro>>. La giovane maga provò a rispondere ma la voce le morì in gola. Incominciò allora a pensare alla tetra immagine del teschio in ogni suo singolo dettaglio: dalle orbite cave, alle giunture delle ossa, arrivando perfino alle sottili venature porpora distribuite sino alla runa. E proprio il marchio definì la figura che presto si materializzò dinanzi a lei. Sebbene si trovasse in un oscuro spazio indefinito, l’artefatto emanava una flebile luce che a tratti tremolava, quasi fosse eterea. Elesya provò a sfiorarlo ma Faiha la ammonì. <<Per favore fa solo quello che ti dico>> ripeté. La maga ritrasse la mano e la ricongiunse all’altra in una sorta di preghiera silenziosa. <<Elesya, potrebbero susseguirsi una serie di eventi improvvisi dovuti al sigillo impresso sul teschio, non averne timore e concentrati sulla mia voce>>. Non appena Faiha finì di parlare, delle spesse catene di metallo circondarono l’artefatto, mentre le estremità libere dal giogo, presero a muoversi come le spire di un serpente per poi schioccare minacciose, quasi fossero fruste. 

Elesya istintivamente indietreggiò ma subito ricordò le parole della Conue e prendendo coraggio, riguadagnò il terreno perduto. Quando fu a pochi passi dal teschio, una delle catene schiocco verso di lei, ferendole una spalla. Elesya avvertì un forte calore propagarsi dal punto in cui era stata ferita fino alla mano, ma non indietreggiò oltre. <<Il dolore che percepisci è illusorio, è solo un inganno>> disse Faiha per rassicurarla e le sue parole ebbero conferma, poiché le fitte si placarono all’istante. La maga si massaggiò la spalla sospirando sollevata. <<Devi eliminare quelle catene una alla volta, ma attenta, per ogni spira ci sarà una visione o una prova da superare. Sei pronta?>> Elesya annuì non potendo parlare e lentamente provò ad afferrare la prima catena. Prenderla però non fu semplice perché i rapidi movimenti erano difficili da anticipare. Inoltre ogni passo divenne pesante quasi quanto camminare nell’acqua. Nel momento in cui la catena si spostò alla sua destra, Elesya si lasciò cadere e con il corpo bloccò la spira che tuttavia continuò a divincolarsi con vigore. Le braccia iniziarono presto a dolerle, in quanto la sola forza fisica non fu sufficiente a placarla ma non potendo far altro, strinse più che poté. Quando la spira si fermò, Elesya riaprì gli occhi e subito notò che l’ambiente intorno a lei era mutato. 

Era un luogo a lei familiare al quale aveva sperato di non far più ritorno. Il prato canuto le riportò alla mente tristi ricordi, ma questa volta c’era qualcosa di diverso. Proprio dinanzi a lei, infatti, vi era la porta più grande che avesse mai visto. A primo impatto sembrava essere costituita di solo marmo, il più candido esistente, seppur delle venature dorate ne solcassero la superficie rendendolo luminoso se colpito dalla luce. Pregiati decori ne costituivano il perimetro, con fregi rappresentanti motivi floreali, intervallati a rilievi di volti comuni ed eterei distribuiti sull’intera superficie. Era come se umano e divino si fondessero una volta attraversato quel varco. Sia sulla base sia sull'architrave delle scritte incise sul marmo s’illuminavano a intermittenza, simile a un elenco in costante aggiornamento. <<Cerchi forse il tuo nome?>> la voce di una donna la fece sobbalzare. Elesya si voltò e dinanzi a lei una figura imponente si chinò per osservarla meglio. Aveva dei lunghi e fluenti capelli neri che le sfioravano le caviglie nude. Il suo viso era pallido così come il resto del corpo e i suoi occhi ambrati sembravano due gemme vivide. Le labbra carnose e rosee tradivano il pallore del suo colorito e di tanto in tanto la donna si mordeva quello inferiore, mostrando perplessità. 

Indossava una sottile veste ottanio che metteva in risalto le sue prosperose curve, benché la profonda scollatura fosse già abbastanza imbarazzante, secondo Elesya. Ciò che tuttavia attirò la sua attenzione, furono gli spessi bracciali che circondavano le caviglie e i polsi. Erano di bronzo ma con incisioni in rame che a prima vista davano l’impressione di essere delle manette, piuttosto che dei monili. << Sei sorda? Ti ho fatto una domanda!>> la incalzò la donna, avvicinando il suo viso alla maga. Elesya ne fu intimorita date le grandi dimensioni dell’essere e la donna se ne accorse. <<Giusto, dimentico sempre che il mio aspetto vi spaventa; mi sembri una tipa apposto, per te posso fare un’eccezione>> aggiunse e afferrando il bracciale destro, lo girò in senso antiorario per due volte. Un lampo accecante investì la giovane maga che fu costretta a proteggersi gli occhi con le mani. Quando infine li riaprì, notò che la donna non era più grande quanto la porta ma sebbene il suo corpo si fosse assai rimpicciolito, restava comunque molto alta. Di nuovo si avvicinò a Elesya, camminando scalza sul soffice prato. <<Così va meglio?>> le domandò e la maga annuì. <<Ora posso sapere cosa ci fai davanti all’ingresso del Regno Eterno? A nessuno è concesso di sostare in questo luogo … questa è la mia prigione personale>> confessò la donna abbassando lo sguardo. <<Se sei qui … >> ma non ebbe modo di finire la frase perché un rumore attirò la sua attenzione. 

<<Presto, nasconditi dietro la porta, ma non toccarla o non avrò più il piacere della tua chiassosa compagnia>> la avvisò strizzandole un occhio. Elesya seguì le indicazioni della donna e si nascose facendo ben attenzione a non sfiorare il candido marmo. <<Fatti vedere, nulla può celarsi dinanzi agli occhi di Nephes, la guardiana del portale>>. Elesya ebbe un sussulto e iniziò a tremare quando dalla nebbia si rivelò la figura di un uomo, il cui volto tuttavia era celato. Nephes girò per tre volte il bracciale sinistro e nella sua mano apparve una falce oscura che gli puntò contro. Elesya si sporse per avvisare la donna ma non appena sfiorò il freddo marmo, la visione svanì e lei si ritrovò avvolta dalle tenebre, con il teschio privato di una delle sue catene. <<Ci sei riuscita, ne mancano solo altre quattro e sarà tutto finito>> asserì Faiha, la cui voce tranquillizzò la giovane maga. Elesya avrebbe voluto dirle quanto aveva visto, ma la voce non ne voleva sapere di uscire. Non potendo fare nulla a riguardo, si limitò a eseguire le indicazioni della Conue e così avvicinandosi a piccoli passi, individuò la successiva spira da catturare. A differenza della precedente, la nuova catena era immobile e descriveva un ampio cerchio attorno all’artefatto. Elesya si chinò su un ginocchio e facendo attenzione, allungò la piccola mano. La catena però continuò a restare ferma e anteponendo i suoi timori, la giovane maga la afferrò senza pensarci. 

Una fitta lancinante e un forte calore avvolsero prima le sue dita e infine la mano fino al polso. Seguita da un odore insopportabile che le trafisse le narici. Elesya si strinse il polso con forza e subito notò l’appariscente bruciatura sul suo palmo che tracciava l’esatta forma della catena. Ma non ebbe il tempo di ragionarci su poiché una barriera costituita da sole lingue di fuoco incandescenti, si frappose tra il suo corpo e l’artefatto. La temperatura divenne asfissiante, seppur continuasse a ripetersi che era tutto un inganno. La ferita però pulsava ancora e le fiamme vivide danzavano minacciose dinanzi a lei. <<Il sigillo si prende gioco della tua mente>> le ricordò Faiha e benché ne fosse consapevole, non riuscì a muovere un solo passo. <<Non ce la faccio>> pensò e presto una lacrima le solcò la guancia. <<Che cosa sta succedendo?>> domandò Xera vedendo il volto contrito dell’amica. <<Shhh! Fai silenzio!>> la ammonì Mihrrina che non distolse mai lo sguardo dalla sua protetta. Xera si morse il labbro dalla frustrazione. Si rese conto, infatti, che qualcosa non stava andando per il verso giusto, sebbene non potesse far nulla per la sua amica. Indecisa sul da farsi, pensò che l’unico in grado di poterla aiutare fosse Reilhan, che tuttavia si era incamminato verso Kodur. Xera si strinse nelle spalle e ricordando le parole di Elesya, pensò di concederle altro tempo, anche se questo avrebbe significato assistere inerme dinanzi alle sue sofferenze.

Nessun commento:

Posta un commento

Dimmi cosa ne pensi